CfP Fourth International Conference “MOOCs, Language Learning and Mobility” (Napoli, 9-10 ottobre 2020) – scadenza per l’invio delle proposte: 10 maggio 2020

Conference announcement

The Federazione Nazionale Insegnanti Centro di iniziativa per l’Europa (FENICE) (IT) in collaboration with the Universities of Grenoble Alpes (FR), Alicante (ES) and the Open University (UK), partners of the “LMOOCs for university students on the move” (Mooc2Move) project funded under the Erasmus + program, organizes the fourth international conference on MOOCs, Language Learning, and Mobility: design, integration, reuse

The Conference, realized in collaboration with the Department of Culture and Tourism of the Municipality of Naples, will take place on 9 and 10 October 2020 in Naples in the halls of the Palazzo delle Arti Napoli (PAN), via dei Mille n. 60, Naples 80121 a few meters from the enchanting promenade of the city, near the Egg Castle, in an area rich in historical and artistic beauty, served by underground, restaurants and hotels.

This fourth international conference aims to bring together higher education professionals, CALL (Computer assisted language learning) and applied linguists and language technologists from around the world to debate issues relating to three topical areas of research, such as MOOCs, language teaching/learning and student mobility, by providing a forum for exchange of ideas, research outcomes and technical achievements.

About the Theme

The agendas of Higher Education Institutions around the world seek to move beyond widening access agendas and towards a deeper integration into all aspects of the educational experience. This involves creating a more inclusive teaching and learning environment that better enables all students and institutions to achieve a fuller cognitive, social, emotional, and professional development, while respecting their individual and group identities. An ever more accepted model is the MOOC (Massive Open Online Course) that has marked a milestone in the use of ICT for education. The potential and possibilities of MOOCs could be significant. However, they are not limited to global outreach: the same technology can be used to improve on-campus teaching and training inside companies and institutions.

Modern Europe is characterised by student and professional mobility. Whatever the reasons for moving into and within Europe—for example to take up studies, start a new profession, join one’s family, or seek refuge—proficiency in the language of the community in which the newly arrived live plays a key role in social and professional integration. The recent arrival of refugees and asylum seekers has added a further layer of mobility and has reinforced the challenge to develop pathways to integration for different groups of people. The increased mobility has posed significant challenges. Language testing and assessment has played a role in the way European states have responded to these challenges, with language tests being used in different ways for the procedures of governing mid-term residency, immigration and access to citizenship since the 1990s. This trend has also led to an on-going debate on the ethics, justification, fairness and usefulness of the role of using language tests in immigration, integration and mobility contexts.

Finally, students on mobility programmes usually have a B1/B2 level of language competence and they enrol in courses where they are required to negotiate the considerable difficulties of academic language and organize their learning activities autonomously and independently. However, competences necessary for everyday standard use of a language differ considerably from those required for communication in academic contexts.

The conference will explore three main phenomena:

  • MOOCs as a challenging model within the related fields of formal education, lifelong learning and non-formal training, its use in language learning and its impact worldwide;
  • innovation in language teaching and learning methodology in an increasingly multilingual society;
  • self-directed learning and the support MOOCs and other tools and resources (e.g. videos from YouTube) can provide to encourage it.

Who should attend?

  1. Representatives of the Ministry of Education, of the National Erasmus + Agency, of the European institutions, of the media (especially producers / authors / publishers of educational programs);
  2. representatives of the project target groups: university departments; foreign language teachers, private institutes offering FL courses, language teacher associations, educational associations, teacher training institutions; decision makers;
  3. promoters of successful international educational projects in the field of creativity in FL learning, language teaching experts, FL teachers with experience in innovative teaching methods, evaluation experts, Erasmus coordinators, students interested in taking advantage of an Erasmus grant in France or Spain.

Call for Papers (deadline: May 10, 2020)

We invite proposals including research-related papers, presentations of case studies and projects as well as posters on the subject of LMOOCs (Language MOOCs), including language learning and teaching with MOOCs; OER/OEP for language learning and teaching; MOOCs and student mobility; and initiatives and developments linked to these fields supported by European and national programmes.

We particularly encourage proposals on, but not limited to, the following areas related to the conference themes:

  1. MOOCs – design, learning, teaching, quality assurance, etc.
  2. OER / OEP for language learning and teaching
  3. Pedagogical approaches in language MOOCs
  4. MOOCs and OERs for language teachers: new tools for professional development
  5. LMOOCs and skills development
  6. MOOCs to support multilingualism and international Mobility
  7. LMOOCs and learners’ motivation and achievement
  8. Recognition and validation of language skills acquired through MOOCs
  9. Monitoring and evaluating of language learning with technologies
  10. Assessing students’ linguistic meta-competences in MOOCs
  11. Assessing LMOOCs
  12. Mobile-assisted language teaching and learning
  13. Informal language learning and technologies
  14. Virtual classrooms, eLearning, and ePortfolio
  15. Technologies and/or Multimedia for Languages for Specific Purposes (LSP)
  16. Technologies and/or Multimedia for Content and Language Integrated Learning (CLIL)

We invite to submit abstracts for a 20-minute presentation or a poster. The conference presentations and posters can be in English, French, Spanish or Italian.

Abstracts and papers submitted will be peer-reviewed by two independent reviewers based on originality, quality and suitability.

Our conference, held for the fourth time, represents an opportunity for both early career researchers and for consolidated scientists to present their work, which will reflect the results of research, not published before.

After completing the registration here, please read carefully the Presentation instructions before uploading your abstract (specifying whether it is a presentation or a poster), following the template provided by May 10, 2020.  The scientific committee will review each abstract and will provide a judgment on the presentation’s suitability for the conference. We will notify you by June 15, 2020 if it has been accepted. In this case, you will have to submit your full paper by October 31, 2020.

Responsibility for the content of each abstracts lies with the authors and the presentation abstracts (if accepted) will appear in the conference proceedings.

We will publish the papers (if accepted) as a collection in HAL (Hyper Articles en Ligne).

Calendar:

First call for papers:March 10, 2020
Second call for papers:April 20, 2020
Abstract Submission Deadline:May 10, 2020
Notification of Abstract Acceptance/Rejection:June 15, 2020
Mooc2Move International Conference:October 9 – 10, 2020
Final Paper Submission Deadline:October 31, 2020
Notification of Paper Acceptance/Rejection:January 9, 2021
Publication of the proceedings:March, 2021
Fenice.eu
Université Grenoble Alpes
The Open University
Universidad de Alicante

Valentina Carbonara, Luana Cosenza, Paola Masillo, Luisa Salvati, Andrea Scibetta (eds.) (2019): Il parlato e lo scritto: aspetti teorici e didattici. Atti del V Congresso Internazionale della Società di Didattica delle Lingue e Linguistica Educativa (DILLE), Università per Stranieri di Siena (1-3 febbraio 2018). Pisa: Pacini – ISBN: 9788869956904

Il parlato e lo scritto - aspetti teorici e didattici

ISBN: 978-88-6995-690-4 Caratteristiche: 2019 • 14,4×22,3 cm • 400 pagine • brossura con bandelle Collana: Collana del Centro di Eccellenza della Ricerca – Studi di Linguistica Educativa
Nr. nella collana: 6

Descrizione

Il presente volume raccoglie una selezione di contributi riguardanti gli usi, le norme e le forme linguistiche nel rapporto fra il parlato e lo scritto dal punto di vista della ricerca, con particolare attenzione agli aspetti relativi alla linguistica educativa.

Il volume si articola in sei sezioni tematiche, che affrontano questi argomenti secondo diverse prospettive: grammaticali, sintattiche, prosodiche, traduttive, in contesto educativo e più in generale di contatto linguistico, anche in relazione con le nuove tecnologie e con le questioni legate alla valutazione.

Scarica l’indice del libro (82kb)

«Al fine di agevolarne la consultazione, il presente volume si articola in sei aree tematiche. Queste ultime non vanno tuttavia intese come categorie rigide, poiché spesso gli argomenti trattati nei vari contributi possono presentare aderenze ad ulteriori ambiti di studio, oltre a quelli che caratterizzano la loro area tematica di riferimento.

La prima sezione, “Le dimensioni dello scritto e del parlato: riflessioni teoriche e aspetti applicativi”, include sei capitoli che trattano il tema dello scritto, del parlato e dei loro punti di intersezione, attraverso diverse prospettive grammaticali, sintattiche, prosodiche e traduttive. Il contributo di Benedetta Rosi e Aangela Ferrari, Il costrutto causale nello scritto, tra grammatica, linguistica e didattica, analizza il costrutto causale nella scrittura funzionale contemporanea entro una ricerca corpus-based e propone un confronto nella trattazione di questo costrutto in alcune grammatiche, fornendo delle osservazioni anche di natura didattica. Il successivo capitolo di Filippo Pecorari, Sistema interpuntivo e parlato: il caso dei puntini di sospensione, offre una rapida ricognizione di alcune grammatiche di diverso livello e diversa destinazione, per mostrare quanto sia diffusa la concezione prosodico-intonativa della punteggiatura. Il contributo, inoltre, tratteggia la concezione, più complessa e sfaccettata, del rapporto tra punteggiatura e prosodia negli studi specialistici, per poi restringere il fuoco della trattazione ai puntini di sospensione e ai diversi usi che essi manifestano nella testualità di registro medio-alto. Lletizia Lala, nel suo saggio La modalità interrogativa: aspetti sintattici, prosodici e testuali, si focalizza sulla modalità interrogativa diretta tradizionalmente descritta per lo scritto partendo dall’accostamento con l’equivalente orale: per l’orale il segnale essenziale sarebbe prosodico-intonativo, restituito allo scritto dal punto interrogativo…»

I Curatori

Scarica l’intera Introduzione (172 kb)

Link: https://www.pacinieditore.it/prodotto/parlato-scritto-aspetti-teorici-didattici/

CfP Convegno Internazionale “Insegnare (e imparare) l’italiano in contesti germanofoni: ricerca scientifica ed esperienze didattiche a confronto” (Bochum, 18-19 settembre 2020) – scadenza per l’invio delle proposte: 20 aprile 2020

Il CfP del convegno è disponibile a questa pagina.

CfP Convegno Internazionale “Insegnare (e imparare) l’italiano in contesti germanofoni: ricerca scientifica ed esperienze didattiche a confronto” (Bochum, 18-19 settembre 2020) – scadenza per l’invio delle proposte: 20 aprile 2020

Il convegno, che si rivolge a studiose/i, insegnanti, studentesse e studenti, oltre che a persone impegnate a vario titolo nella promozione dell’italiano, si propone un duplice obiettivo:

  • offrire uno spaccato – sia dal punto di vista della ricerca che da quello della pratica didattica – della realtà dell’insegnamento/apprendimento dell’italiano lingua straniera, lingua seconda e lingua di origine nell’area germanofona
  • creare uno spazio di confronto e di discussione tra il mondo della ricerca scientifica e quello dell’insegnamento.

Oltre a una relazione in plenaria e a una tavola rotonda, il convegno comprenderà una selezione di comunicazioni autoproposte. Per queste ultime si prevedono i seguenti formati:

  • Relazioni (20 min.) su progetti di ricerca incentrati sull’insegnamento/apprendimento dell’italiano in contesti germanofoni (anche in prospettiva storica) o su ambiti tematici non glottodidattici, ma potenzialmente rilevanti per la didattica (p.es. studi di linguistica acquisizionale, psicolinguistica, linguistica contrastiva, lessicografia bilingue, sociolinguistica – in particolare sociolinguistica delle migrazioni, pragmatica interculturale)
  • Relazioni (20 min.) sull’offerta didattica di specifici contesti di insegnamento/apprendimento dell’italiano (p.es. scuole e asili bilingui o con classi bilingui) o su progetti didattici promossi da singole/i insegnanti, istituzioni e associazioni. In quest’ultima categoria potranno rientrare corsi tematici e/o destinati a specifici profili di apprendenti, corsi plurilingui e/o di impostazione interdisciplinare, progetti di ricerca-azione, progetti finalizzati alla realizzazione di materiali didattici anche con l’impiego di moderne tecnologie per l’insegnamento/(auto)apprendimento, incontri tandem e scambi scolastici, escursioni con focus linguistico.
  • Poster su progetti di ricerca o progetti didattici con possibilità di presentazione in una sessione apposita.
  • Workshop didattici (90 min.) sui seguenti temi: didattica del plurilinguismo/approcci plurali, approccio orientato all’azione, inclusione e differenziazione, autonomia dell’apprendente, mediazione linguistica, didattica per progetti, fraseodidattica, e-learning.

Potranno inoltre essere prese in considerazione proposte su lingue diverse dall’italiano che prevedano però un coinvolgimento diretto dell’italiano nella prospettiva degli approcci plurali.

Nella tavola rotonda che chiuderà il convegno si tenterà di dare una risposta alle seguenti domande:

  • Quale contributo concreto può dare (o sta già dando) la ricerca scientifica e, nello specifico, quella glottodidattica e linguistico-educativa al miglioramento delle pratiche didattiche?
  • Quali sono le sfide nella didattica dell’italiano che richiedono il lavoro congiunto del mondo dell’insegnamento e di quello della ricerca nei prossimi anni?
  • Quali strumenti risultano più efficaci per favorire il transfer fra i risultati della ricerca e le pratiche didattiche?
  • Quale contributo di conoscenze possono fornire (o stanno fornendo) alla ricerca svolta nelle sedi accademiche l’esperienza e le ricerche di docenti, formatrici e formatori, autrici e autori di materiali didattici?
  • In che modo è possibile creare delle sinergie tra la ricerca glottodidattica italiana e quella germanofona, che sembrano talvolta percorrere due strade parallele?

Chi desiderasse proporre una comunicazione dovrà inviare un abstract (massimo 350 parole, esclusi i riferimenti bibliografici) entro il 20 aprile 2020 all’indirizzo:

convegno2020@ruhr-uni-bochum.de.

Per l’abstract si prega di utilizzare esclusivamente il modulo apposito. L’esito della selezione sarà comunicato entro il 15 maggio 2020.

Le lingue del convegno sono l’italiano e il tedesco. È prevista la pubblicazione degli atti.

La partecipazione all’evento, possibile anche senza una relazione, è aperta a tutte le persone interessate alla lingua italiana e consigliata a studentesse e studenti, anche di università italiane, interessate/i a lavorare nel campo dell’insegnamento dell’italiano o a svolgere un dottorato di ricerca in ambito glottodidattico e linguistico nell’area germanofona. È inoltre consigliata a insegnanti di ruolo nella scuola italiana inserite/i nelle graduatorie del Ministero degli Affari Esteri.

Il convegno è organizzato dal Centro linguistico di Ateneo (Zentrum für Fremdsprachenausbildung) in collaborazione con l’Istituto di Romanistica (Romanisches Seminar) e con il sostegno delle seguenti istituzioni e associazioni:

Institutionen Und Vereine
  • Arbeitskreis Sprachenzentren (AKS)
  • Circolo culturale italo-tedesco (CiCuIt) / deutsch-italienische Gesellschaft e.V. Bochum
  • Comitato per gli Italiani all’Estero (Com.It.Es) – Circoscrizione consolare di Dortmund
  • Deutscher Italianistenverband – Fachverband Italienisch in Wissenschaft und Unterricht (DIV)
  • Istituto Italiano di Cultura di Colonia (IIC Köln) – nell’ambito della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo
  • Italienzentrum der Universität Stuttgart
  • Società Dante Alighieri – comitato di Bolzano
  • Vereinigung Deutsch-Italienischer Kultur-Gesellschaften e.V. (VDIG) – Federazione delle associazioni italo-tedesche in Germania

Il convegno è inoltre patrocinato dalle seguenti istituzioni e associazioni:

Schirmherren
  • Accademia della Crusca
  • Ambasciata d’Italia a Berlino
  • Associazione Internazionale dei Professori di Italiano (AIPI)
  • Deutsche Gesellschaft für Fremdsprachenforschung (DGFF)
  • Deutsch-Italienische Gesellschaft e.V. – Società italo-tedesca e.V. – Düsseldorf
  • Forum per l’italiano in Svizzera
  • Italia Altrove® e.V. Düsseldorf
  • Italianoascuola.ch
  • Italienzentrum der Freien Universität Berlin
  • Österreichische Gesellschaft für Sprachendidaktik (ÖGSD)
  • Provincia autonoma di Bolzano, Alto-Adige – Ripartizione pedagogica
  • Ruhr-Zentrum Mehrsprachigkeit (RZM)
  • Società Dante Alighieri – sede centrale

Link: https://www.ruhr-uni-bochum.de/ciili2020/index.html.it

Frank Schöpp, Sylvia Thiele (eds.) (2020): Kultursprache Italienisch – eine Standortbestimmung. Hannover: ibidem – ISBN: 9783838213583

Kultursprache Italienisch – eine Standortbestimmung

.Der vorliegende Band, der erste der neu gegründeten Reihe Italienischdidaktik im Dialog (IDD), vereint 17 Beiträge, die aus Vorträgen zweier Tagungen hervorgegangen sind: Standortbestimmungen und Perspektiven des Italienischunterrichts an der Julius-Maximilians-Universität Würzburg im November 2016 sowie, genau ein Jahr später: Quo vadis, italiano? – Wege der Sprache, der Kultur und der Italianistik an der Johannes-Gutenberg-Universität Mainz. Ziel beider Veranstaltungen war es, die Kultursprache Italienisch unter verschiedenen didaktisch-methodischen Fragestellungen zu beleuchten und damit einen Beitrag zur ihrer Sichtbarmachung im Kontext der universitären Romanistik und des schulischen Fremdsprachenunterrichts zu leisten. Zwar ist das Italienische die kleinste der drei romanischen Schulfremdsprachen, die hier versammelten Beiträge von Autorinnen und Autoren aus Deutschland, Italien und Österreich belegen jedoch eindrucksvoll seine Lebendigkeit.

Frank Schöpp ist als Akademischer Oberrat für die Didaktik der romanischen Sprachen am Neuphilologischen Institut der Julius-Maximilians-Universität Würzburg tätig. Seine Interessenschwerpunkte liegen in der Literatur- sowie der Mehrsprachigkeitsdidaktik.
Dr. Sylvia Thiele ist Professorin für die Didaktik der romanischen Sprachen und Literaturen an der JGU Mainz. Zu ihren Arbeitsschwerpunkten gehören die Mehrsprachigkeitsdidaktik, EMILE, Grammatikographie, Sprachtypologie, Dolomitenladinisch und Sardisch. Sie ist aktuell Teilprojektleiterin im Mainzer Lehr-Lern-Forschungslabor im Rahmen der Qualitätsoffensive Lehrerbildung des BMBF und Mitglied des steering commitee der FORTHEM Alliance.

Link: https://www.ibidem.eu/de/kultursprache-italienisch-eine-standortbestimmung.html

Opportunità di lavoro in Italia (Venezia) – scadenza bando: 30 marzo 2020

Bandi di concorso docenti, PTA, tecnologi, CEL 
Bandi con scadenza candidature dal 2020

A cura di ARU-PDOC
Scadenza candidature: 30/03/2020
Protocollo n. 13469 del 27/02/2020


Procedura pubblica di selezione per la copertura di n. 1 posto di ricercatore a tempo determinato ai sensi dell’art. 24 comma 3 lettera a) della Legge 30 dicembre 2010, n. 240, settore concorsuale 10/G1 (Glottologia e Linguistica), settore scientifico-disciplinare L-LIN/02 (Didattica delle lingue moderne).

Domanda di partecipazione online: https://static.unive.it/domandeconcorso/accesso/rtda-llin02 Online application form[ENG]: https://static.unive.it/domandeconcorso-en/accesso/rtda-llin02 Presentazione domande: Coloro che intendono partecipare alla procedura valutativa devono inviare la domanda utilizzando esclusivamente l’apposita procedura resa disponibile via web all’indirizzo:
http://static.unive.it/domandeconcorso/accesso/rtda-llin02 e http://static.unive.it/domandeconcorso-en/accesso/rtda-llin02 (in inglese) entro il termine perentorio delle ore 12.00 del 30/03/2020 Categoria: RTDa Dipartimento: Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati Settore Concorsuale: 10/G1 Settore Scientifico Disciplinare: L-LIN/02 N. posti: 1 Regime orario: Tempo pieno Stato concorso: Ricevimento domande Concorso pubblicato su: GU 17 del 28/02/2020 Per informazioni: Ufficio Personale Docente e CEL – Settore Concorsi Documenti allegati file copertina.pdf file decreto.pdf

Allegato A

file Allegato A.rtf

Informativa sul trattamento dei dati personali

file Informativa sul trattamento dei dati personali.pdf

Call

file CALL.pdf

Attachment A

file Attachment A.rtf

Information on Personal Data Processing

file Information on personal data processing.pdf

Link: https://www.unive.it/data/38002/?id=2020-UNVE000-0013469

Altre opportunità di lavoro: